Categories: Recensioni280 words1,2 min read

Pannelli solari RAVPower: energia in movimento

AUTORE

Andrea Della Rolle

DATA

Settembre 16, 2019

CATEGORIA
TAG
SHARE

Uno dei primi oggetti che, come cicloturista, ho reputato necessario possedere, è qualcosa che mi consentisse di poter produrre energia mentre ero in movimento, per non dovermi fermare ad elemosinare corrente elettrica e consentirmi quindi campeggio libero lungo il percorso. Le soluzioni sono sostanzialmente due in ambito ciclistico: i pannelli solari portatili e i mozzi dinamo con uscita USB.

La mia scelta è ricaduta, complice interessante offerta su Amazon, su un pannello solare della RAVPower, molto consigliato in ambito cicloturistico da altri colleghi: ho scelto la versione da 16W, più che sufficiente per ricaricare due powerbank. La versione da 24W è più adatta per chi voglia eventualmente alimentare anche una GoPro, dato che dispone di 3 uscite separate.

L’ingombro è minimo, 24x16cm, e da aperto può trovare posizione sulla sacca frontale a manubrio o allacciato sulle borse posteriori.

I risultati ovviamente dipendono dalla posizione e dall’irraggiamento, motivo per cui conviene collegarlo ad un powerbank piuttosto che direttamente collegato ai device: sbalzi di tensione, inevitabili, dati dalla variazione di energia solare convertita, potrebbero rovinare i vostri smartphone, gps, etc.

Il ciclo di vita dovrebbe garantire almeno 500 ricariche, complice la degradazione dei pannelli solari: con un massimo di 50 ricariche/anno, relative ad una media di uscite pianificabili, la sua durata potrebbe essere di almeno 10 anni.

Stando ai dati forniti dall’azienda produttrice, trasforma dal 21,5 al 23,5% dell’energia solare in energia elettrica, fornendo un amperaggio intelligente relativo al device che si intende caricare: come vi ho anticipato, conviene però collegarlo ad un powerbank che abbia funzione di accumulatore, onde evitare gli sbalzi di tensione.

Ultima nota a favore: da chiuso ha finiture impermeabili. E’ consigliabile, comunque, tenerlo in luoghi asciutti e al riparo dall’umidità, onde garantirne una corretta funzionalità.

0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti